Amarengo

Articles and news

Mangiare ‘halal’ di carne è proibita per gli Indù, Sikh; negozi devono display info: SDMC proposta

, Il comitato permanente del BJP ha portato a Sud di Delhi Municipal Corporation ha autorizzato una proposta che chiede ristoranti o negozi per “obbligatoriamente” display se la carne viene venduto o è servita tagliata con il ‘halal’ o ‘jhatka’ metodo, hanno detto i funzionari venerdì.

La proposta ora attende cenno nella Casa SDMC che è controllata dal partito saffron.

LEGGI ANCHE: Vaccino COVID-19 non ammissibile secondo la legge islamica? I musulmani temono l’uso della gelatina di maiale nella droga

Il metodo “Jhatka” è quello in cui un animale viene macellato in una volta sola, mentre nel metodo “halal”, un animale è permesso morire dopo aver tagliato una vena.

” Ci sono migliaia di ristoranti in 104 reparti di quattro zone che rientrano in South Delhi Municipal Corporation. Di questi, la carne è servita in circa 90 per cento dei ristoranti, ma non è menzionato se la carne servita dai ristoranti è ‘halal’ o ‘jhatka’”, ha detto la risoluzione approvata dal pannello SDMC il Giovedi.

Allo stesso modo, anche i negozi di carne non fanno la distinzione, ha detto.

La risoluzione afferma inoltre: “Secondo l’induismo e il sikhismo, mangiare carne ‘halal’ è proibito e contro la religione.

“Pertanto, il comitato decide che questa direzione sia data a ristoranti e negozi di carne che dovrebbe essere scritto obbligatoriamente sulla carne venduta e servita da loro…che la carne “halal” o “jhatka” è disponibile qui”.

Pubblicità

Il presidente del comitato permanente Rajdutt Gahlot venerdì ha detto che la proposta, una volta approvata dalla Camera, significherà che i ristoranti e i negozi di carne dovranno “mostrare chiaramente e visibilmente” se stanno servendo carne tagliata con il metodo “halal o jhatka”.

“Attualmente, mentre si ottiene la licenza, i proprietari prendono una licenza per la vendita di un tipo di carne, e poi iniziano a vendere anche l’altro”.

Inoltre, l’idea è di far sapere a un consumatore il tipo di carne che viene servita a lui o lei e fare una scelta informata, ha detto Gahlot.
La risoluzione è stata spostata dal consigliere Chhattarpur Anita Tanwar.

Joy Singh, partner della catena di ristoranti Yeti e co-fondatore del ristorante Raasta a south Delhi, ha dichiarato che questo è un approccio molto “triste e regressivo”.

” Mi dispiace ma non sono favorevole. È prerogativa di tutti su ciò che vogliono mangiare e ciò che non vogliono mangiare”, ha detto.

In 2017, l’SDMC aveva proposto che la carne ei suoi prodotti non dovevano essere esposti all’aperto, dicendo che l’igiene e “i sentimenti delle persone colpite dalla vista” della carne erano le ragioni principali dietro la mossa.

La mossa non è stata attuata dopo le proteste dei negozianti.

Ultime notizie India

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.