Amarengo

Articles and news

Lizzie Borden: assassina o sensazione dei media?

Molte persone avrebbero voluto vedere Andrew Borden morto.

Gli omicidi raccapriccianti scioccarono la comunità, ma molti a Fall River non erano forse del tutto sorpresi che Andrew Borden avesse incontrato una fine prematura. Con un patrimonio netto di quasi million 10 milioni in denaro di oggi, Borden era uno degli uomini più ricchi—e più impopolari—in città. Frugale per un guasto, era un self-made man che era diventato il capo di una delle più grandi banche della città e un proprietario di proprietà sostanziale. L “uomo d” affari dour aveva anche fatto molti nemici sulla sua ascesa verso l ” alto, e voci turbinavano che Andrew e Abby erano forse stati uccisi come vendetta per affari loschi di Andrew.

Il caso ha rivelato alcuni scheletri nell’armadio di famiglia Borden.

L’indagine iniziale si concentrò al di fuori della famiglia immediata e comprendeva uomini d’affari locali, vicini di casa e persino la domestica di famiglia, un’immigrata irlandese di nome Bridget Sullivan. La polizia si rese presto conto che la figlia di Andrew, Lizzie, aveva tanto da guadagnare quanto chiunque con la morte di suo padre. La tenacia di Andrew si estendeva alla sua famiglia-nonostante la sua ricchezza, la casa di Borden mancava anche delle comodità più basilari, tra cui l’impianto idraulico interno. Il nuovo matrimonio di Andrew con Abby Gray dopo la morte della sua prima moglie aveva inacidito il suo rapporto con Lizzie e sua sorella maggiore, Emma. Le donne, già nel loro 30s e considerati zitelle dalla società, è cresciuto sempre più frustrato e risentito, con Lizzie, in particolare, spesso esibendo segni di instabilità mentale. Anche le azioni di Lizzie nei giorni successivi agli omicidi hanno sollevato le sopracciglia: Diede risposte contraddittorie alle domande e bruciò un vestito che sosteneva fosse stato macchiato mentre faceva i lavori domestici, che la polizia considerava la distruzione delle prove. L ‘ 11 agosto, Lizzie fu arrestata per gli omicidi.

La mancanza di prove forensi ha svolto un ruolo chiave nel caso.

Non c’erano prove fisiche che la collegassero agli omicidi. Un ” accetta era stato scoperto nel seminterrato della casa Borden, ma la sua lama era pulita e la maniglia era stata rotta—da Lizzie, secondo la polizia. Anche la riluttanza della polizia a utilizzare qualsiasi tipo di test forensi ha ostacolato le indagini. Il test delle impronte digitali era allora nella sua infanzia e non è mai stato condotto come parte della loro indagine. Tuttavia, stabilirono che Lizzie aveva tentato senza successo di acquistare acido prussico, un liquido altamente velenoso, nei giorni precedenti gli omicidi. Sebbene gli investigatori considerassero questo come prova di un precedente tentativo fallito di uccidere i suoi genitori, non furono in grado di presentarlo al processo.

La casa di famiglia Borden a Fall River, Massachusetts, ora un letto & colazione. (Credito: Chicago Tribune / Collaboratore / Getty Images)

Andrew e Abby Borden hanno fatto un’apparizione al processo-una specie di.

La macabra natura dei crimini, combinata con la ricchezza della famiglia Borden, si rivelò irresistibile per gli editori di giornali. Miglia di inchiostro sono stati versati come carte di tutto il mondo stampato centinaia di storie che descrivono le morti in dettaglio lurido, speculando su possibili motivazioni e anche autori alternativi. Quando il processo iniziò nel giugno 1893, Lizzie Borden era diventata una sensazione mediatica, e il procedimento stesso assunse un’aria da circo. L’accusa, di fronte alla mancanza di prove forensi che legano Lizzie agli omicidi, ipotizzò che avesse forse commesso il crimine mentre era nuda per evitare di lasciare dietro di sé indizi fisici. La presenza dei teschi crivellati di ascia di Andrew e Abby Borden scioccato quelli in aula, portando ad un drammatico—e forse al momento giusto-svenimento da Lizzie. In quello che si è rivelato essere un momento chiave, la squadra di difesa di Lizzie ha spinto con successo ad avere la sua testimonianza contraddittoria all’inchiesta originale dichiarata inammissibile. Lizzie stessa non ha mai preso il banco, e la giuria di 12 uomini deliberato per soli 90 minuti prima di restituire un verdetto di non colpevolezza.

Illustrazione di Andrew Borden. (Credito: Bettmann / Getty Images)

La famosa rima di salto della corda ha sbagliato.

I bambini che imparano il canto possono credere che ci siano voluti 40 colpi per uccidere Abby Borden e altri 41 per uccidere Andrew. Beh, non e ‘ proprio vero. Il coroner ha confermato che Abby è stata uccisa per prima, ma da 19 colpi—non i 40 resi popolari nella filastrocca. Andrew Borden ha ricevuto ancora meno ferite, ma i 10 o 11 colpi che lo hanno finito erano piuttosto raccapriccianti, concentrati principalmente sulla testa e distruggendo completamente gran parte del suo volto. Quindi si scopre che la filastrocca sopravvaluta della metà dei “colpi” totali necessari per completare il lavoro. In un’altra inesattezza, nessuna “ascia” è mai stata trovata. Sembra più probabile che l’ascia di guerra presentata dall’accusa al processo fosse la vera arma del delitto, ma “ascia di guerra” e “colpi” semplicemente non fanno rima.

Lizzie Borden ha lottato nella sua vita successiva.

Nonostante la sua ritrovata notorietà—e i sussurri dei suoi vicini sulla sua probabile colpa—Lizzie rimase a Fall River per il resto della sua vita. Lei ed Emma ereditarono la tenuta del padre, guadagnando la libertà finanziaria che avevano a lungo desiderato. Lizzie ha acquistato una grande casa in uno dei quartieri più alla moda della città e ha trascorso il suo tempo viaggiando a Boston e New York per indulgere nel suo amore per il teatro. Appena cinque anni dopo l ” omicidio, Lizzie è stato brevemente nei titoli di nuovo, quando è stata accusata di—ma non processato per—taccheggio. Nel 1905 le sorelle si allontanarono per la relazione di Lizzie con l’attrice Nance O’Neill, che Emma avrebbe disapprovato. Raramente parlarono nei loro ultimi anni, ma morirono a pochi giorni l’uno dall’altro nel giugno del 1927. Entrambe le sorelle furono sepolte oltre ai loro genitori assassinati nella trama di famiglia nel cimitero di Oak Grove.

Abby Borden (Credito: Bettmann / Getty Images)

Lizzie Borden ha fatto un’apparizione in ” I Simpson.”

Una sensazione mediatica a suo tempo, gli omicidi Borden continuano ad affascinare il pubblico più di un secolo dopo che si sono verificati. Lizzie e la sua famiglia sono stati al centro di decine di libri, opere teatrali e film. Nel 1975 l’attrice Elizabeth Montgomery, star televisiva di “Bewitched” e anche lontana parente di Lizzie, la interpretò in un film per la televisione. La famosa coreografa Agnes de Mille ha creato un balletto sul processo, una nuova opera è stata in lavorazione e Lizzie ha anche fatto un cameo su “I Simpson”, in cui lei—insieme ad altre figure famose come Benedict Arnold, Richard Nixon e John Wilkes Booth—ha servito nella giuria durante un processo sull’anima di Homer Simpson.

Nuove informazioni potrebbero ancora venire alla luce.

Nel marzo 2012, il caso Borden è tornato in prima pagina quando i ricercatori della Fall River Historical Society hanno annunciato la scoperta delle riviste scritte a mano di Andrew Jennings, avvocato difensore di Lizzie. Le riviste, che contengono ritagli di giornale così come le note di intervista Jennings ha fatto durante la sua preparazione pre-trial, possono produrre nuove informazioni sui crimini. Il materiale estremamente fragile è attualmente conservato dal museo prima che il suo contenuto sia reso disponibile al pubblico.

Due diari tenuti dall’avvocato di Lizzie Borden sono emersi a marzo. (Credito: Bill Greene / Il Boston Globe via Getty Images)

È possibile soggiornare presso il Lizzie Borden Bed & Prima colazione.

Più di un secolo dopo gli omicidi, Fall River, Massachusetts, continua ad essere un punto caldo per chi è affascinato dal caso. Per gli appassionati più audaci, una notte al Lizzie Borden Bed & Colazione offre l’ultima esperienza Borden. Potrete visitare la struttura al 92 Second Street, assistere a una drammatizzazione annuale degli eventi, pernottare nelle camere da letto originariamente occupate da Lizzie, Emma e dai loro genitori e persino gustare la stessa colazione condivisa dalla famiglia la mattina del 4 agosto 1892.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.