Amarengo

Articles and news

La Porta Aperta Sito Web : Storia della Scienza e della Tecnologia : Johann Gottfried Galle

STORIA della SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA

Google
Ricerca Personalizzata

Johann Gottfried Galle (1812 – 1910)

Johann Galle è stato un astronomo tedesco che ha iniziato a lavorare come assistente di Johann Franz Encke, a Berlino, Osservatorio nel 1835. La tesi di dottorato di Galle, terminata nel 1845, fu un critico delle osservazioni di Ole Romer del 1706 su Urano. Galle inviò una copia della sua tesi a Urbain Le Verrier a Parigi e, un anno dopo, Le Verrier ricevette la risposta. La lettera di Le Verrier suggeriva che Galle puntasse il suo telescopio su una specifica sezione del cielo per un certo periodo di tempo. Ha predetto che un nuovo pianeta sarebbe stato trovato. Galle chiese il permesso a Encke di usare il telescopio dell’osservatorio e, nella notte data, Galle e un astronomo danese, Henrich Louis d’Arrest, si misero al lavoro. Galle usò il telescopio e d’Arrest studiò le carte stellari. Non troppo a lungo nella loro ricerca, il nuovo pianeta era stato trovato.

Anche se Galle è spesso accreditato con la scoperta del pianeta Nettuno, se non fosse stato per i matematici, non avrebbe mai saputo dove cercare di trovarlo. In realtà, Galle non fu il primo ad osservare il pianeta. Galileo lo aveva registrato, così come gli astronomi John Herschel, Lalande e Von Lamont. Tuttavia, quando era stata precedentemente osservata, era stata registrata erroneamente come una stella.

Johann Galle

Johann Gottfried Galle.
© Museo Deusches.

Infatti, il merito della scoperta del pianeta Nettuno appartiene probabilmente a due matematici; John Crouch Adams in Inghilterra e Urbain Le Verrier in Francia. Entrambi gli uomini stavano lavorando sullo stesso problema in modo indipendente. Stavano indagando sulla ragione delle perturbazioni nell’orbita del pianeta Urano. Usando le leggi di gravità di Newton hanno correttamente predetto che le piccole irregolarità osservate nell’orbita di Urano erano probabilmente dovute a un altro pianeta, ancora non identificato. Riescono persino a calcolare l’orbita del Pianeta X, il che significava che potevano prevedere dove e quando sarebbe apparso nel cielo.

Adams era un anno prima di Le Verrier nel suo lavoro. Tuttavia, il direttore dell’Osservatorio di Cambridge, James Callis, aveva prima rifiutato di cercare il nuovo pianeta e, di conseguenza, perso l’occasione della scoperta. E ‘ stato Galle, seguendo le istruzioni di Le Verrier che ha preso il merito.

L’astronomo britannico John Herschel confutò l’affermazione francese secondo cui Le Verrier aveva calcolato la posizione del pianeta dichiarando che Adams lo aveva fatto mesi prima. I francesi erano furiosi. La Royal Academy era ugualmente furiosa con James Callis e l’astronomo reale, George Airy, per non aver cercato il pianeta quando Adams aveva chiesto loro di!

Per quanto riguarda Johann Galle, nel 1851 ha assunto la carica di professore di Astronomia e direttore dell’Osservatorio di Breslavia (ora Breslavia), in Polonia. Suo figlio Andreas lavorò come suo assistente e, insieme, pubblicarono una lista di 414 comete nel 1894. Galle ne aveva scoperti tre. Egli è anche accreditato con la scoperta dell’anello crêpe di Saturno. Ha un cratere lunare che porta il suo nome così come l’anello di Nettuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.