Amarengo

Articles and news

Kartini e ‘Kartini’

21 aprile-Hari Kartini, o Kartini Day-è un giorno di celebrazione civica in Indonesia quando la nazione commemora la nascita di una giovane donna giavanese che visse e scrisse in un momento critico di cambiamento nelle Indie Orientali Olandesi (NEI). Questa giornata commemorativa si è concentrata, in modi spesso contraddittori, sul posto delle donne nell’Indonesia moderna. La giornata è contrassegnata da cerimonie civiche, specialmente nelle scuole e nelle istituzioni governative; e riflessioni dei media sullo stato della partecipazione sociale delle donne, le sfide e le realizzazioni.

Conosciamo Kartini principalmente attraverso la sua corrispondenza, che è stata pubblicata in una vasta gamma di selezioni e traduzioni. Solo di recente (2014), però, è stata un’edizione completa delle lettere disponibili in inglese, attraverso decenni di sforzi da parte dello studioso della Monash University Joost Coté. Questo corpus letterario, e forse l’intensità della sua breve vita, sono diventati foraggio per varie e mutevoli interpretazioni della figura “Kartini”. Soprattutto dopo l’indipendenza, questa icona culturale è stata rappresentata in una gamma di modi che si adattano alle lotte di potere dei tempi.

Kartini, nata nel 1879, era una giovane donna di alto livello, figlia di un funzionario coloniale priyayi (nobile giavanese). In quell’epoca pre-nazionalista, uomini lungimiranti della sua classe ha cominciato a imparare—e garantire i loro figli imparato-olandese, in modo da poter cercare il progresso e ottenere influenza nel servizio civile NEI. Ha frequentato la scuola elementare locale per essere educata al fianco di bambini olandesi ed eurasiatici. In una delle tante ironie della sua storia, all’età di 12 anni è stata ritirata dalla scuola per iniziare il consueto periodo di isolamento (pingitan) prima di un matrimonio combinato (un corso di vita appropriato per una ragazza della sua alta posizione sociale).

Nonostante il ritiro di Kartini dall’istruzione formale, questa giovane donna erudita e dotata usava il suo tempo nei giardini recintati della sua casa per leggere ampiamente in olandese: romanzi, riviste, giornali, così come la più consueta ricerca dell’artigianato.

La posizione ufficiale di suo padre ha portato i visitatori olandesi a casa. Negli anni 1899-1903 ha avuto diverse corrispondenze lunghe e intense, principalmente con uno di questi visitatori, Nyonya Abendanon, la moglie femminista-pendente del funzionario coloniale J. H. Abendanon; e anche un amico di penna, una femminista olandese di nome Stella Zeerhandelaar. Attraverso la sua lettura e corrispondenza, Kartini e le sue sorelle furono esposte alle correnti del pensiero europeo di fine 19 ° e inizio 20 ° secolo, e furono coinvolte nelle radicali trasformazioni sociali dell’epoca.

‘ROSSETTO PER LA MADRE’, UN DIPINTO DEL 1981 DI DEDE ERI SUPRIA CON L’IMMAGINE DI KARTINI

Possiamo conoscere Kartini essenzialmente come figura letteraria, il suo “sé epistolare” che ha presentato nella sua corrispondenza. Lei è una scrittrice di talento e convincente, che si preoccupa per la situazione delle donne e dei loro diritti nel matrimonio e la povertà dei suoi compagni di soggetti coloniali. Come figlia di una moglie minore in una famiglia poligama, era critica dell’usanza della poligamia mentre contemplava il suo probabile destino. In un’altra ironia, accettò la scelta del marito di suo padre, la vedova Bupati (reggente) di Rembang. Kartini sostituì la sua defunta moglie principale, ma si trovò ancora in una famiglia poligina con diverse mogli minori. Morì poco dopo aver dato alla luce un figlio nel 1904.

Come evidenziato nelle sue lettere, Kartini era appassionato di istruzione e ha ottenuto l’approvazione del marito per stabilire una piccola scuola nella sua casa. Ha espresso un forte desiderio di ulteriore istruzione, e attraverso gli sforzi del suo amico di penna, è stata offerta la possibilità di studiare in Olanda. In un altro colpo di scena, l’uomo che l’ha dissuasa da questo piano, il funzionario coloniale J. H Abendanon, ha pubblicato una selezione modificata delle sue lettere nel 1911. La sua selezione ha sottolineato la sua passione per l’educazione, che misura i suoi ideali politici per la NEI. Il titolo, come reso nella successiva traduzione inglese, From Darkness into Light, è parafrasato da una delle lettere, ed esprime un tropo modernista del progresso.

Mentre Kartini argutamente deriso le pretese di alcuni funzionari NEI nelle sue lettere, ha vissuto in un’epoca prima del nazionalista “risveglio” nei primi anni del 20 ° secolo. Ha espresso opinioni sul miglioramento della governance dei NEI, non sciogliendolo, in parte da raggiungere attraverso una maggiore partecipazione dei funzionari “nativi” e—riecheggiando i sentimenti dei critici che sostengono la riforma, e la cosiddetta politica etica-attenzione al benessere nativo.

Ma l’impegno di Kartini per la giustizia sociale attraverso l’educazione e la sua articolata difesa dell’educazione per le donne hanno colpito un accordo con il movimento nazionalista emergente. La canzone che viene eseguita su Hari Kartini, “Ibu Kita Kartini “(Nostra madre Kartini) è stata scritta nel 1931 da Wage Rudolf Supratman, che ha anche scritto l’inno nazionale indonesiano,”Indonesia Raya”. Dopo la sua morte, le sue sorelle fondarono scuole che si svilupparono nel movimento scolastico di Kartini, fornendo istruzione ai bambini “nativi”. L’educazione era un tema chiave della lotta per l’indipendenza.

La risonanza della sua scrittura con cause nazionaliste culminò nel presidente fondatore Sukarno nominandola eroe nazionale (Pahlawan Nasional) nel 1964, insieme ad altre due eroine della lotta armata, Cut Nya Dien e Ceut Meutia, entrambi combattenti armati di Aceh. Tuttavia, solo Kartini—che, si nota spesso, ha lottato con la penna e non con la spada-ha un giorno omonimo.

COMMEMORAZIONE DEL KARTINI DAY NEL 1953 (FOTO: TROPENMUSEUM)

Per il regime del Nuovo Ordine di Suharto, l’ideologia di genere era fondamentale per l’esercizio del potere autoritario. Il sostegno statale per l’esercizio dell’autorità maschile nella famiglia legittimava la figura del Padre-Presidente che presiedeva la nazione. “Kartini” è stato chiamato in servizio in questa cornice ideologica della nazione. È stata ricordata come una madre e un modello per i contributi doverosi delle madri cittadine alla nazione.

Le organizzazioni corporativiste delle donne (come Dharma Wanita e il PKK/Family Welfare Movement) avevano responsabilità nell’attuazione di programmi statali come la pianificazione familiare e la salute dei bambini, oltre a inculcare l’ideologia di stato e il primato della cittadinanza femminile nei doveri di moglie e madre.

Queste organizzazioni hanno avuto un ruolo chiave nelle cerimonie civiche di Hari Kartini, promuovendo l’adozione di un costume di batik avvolto gonna e camicia a maniche lunghe (kain kebaya), l’abito che Kartini indossa nel significativo record fotografico della sua vita. Questo vestito “ufficiale” era accompagnato da scarpe col tacco alto e un falso panino (konde) apposto vicino alla nuca.

La ricordata “Kartini” era una moglie e una madre che era responsabile nell’esercizio dei suoi doveri e che morì tragicamente di parto. Oltre a promuovere concorsi sosia in costume, Hari Kartini celebrato femminilità patriottica come wifeliness e la maternità in concorsi “bambino sano” e dimostrazioni di cucina. Nei discorsi di Hari Kartini dell’era del Nuovo Ordine, la sua memoria è stata anche invocata a sostegno del programma di pianificazione familiare sponsorizzato dallo stato. Tuttavia, il governo ha anche invocato le sue aspirazioni per l’istruzione e il riconoscimento sociale delle donne per affermare di aver raggiunto questi obiettivi per le donne.

DUE IMMAGINI DI KARTINI SULLA NOTA RP10,000 NEGLI 1980

Ma “Kartini” ha sempre fornito un punto di infiammabilità per le contestazioni intorno ai ruoli di genere. Alla fine del Nuovo Ordine, a partire dalla metà degli anni 1990, le questioni che galvanizzarono l’opposizione al regime includevano rapporti sul destino delle donne migranti indonesiane che lavoravano come domestiche in Medio Oriente e in Asia orientale, e lo scarso trattamento delle donne che lavoravano nelle fabbriche indonesiane del mercato mondiale.

Nel 1995, gli attivisti per i diritti delle donne scelsero Hari Kartini per inscenare una protesta di un giorno che iniziava con un “pellegrinaggio” alla sua tomba vicino a Rembang, dove davano discorsi e (alla maniera delle proteste del giorno) inscenavano un “happening”, una performance di strada di uomini che schiavizzavano le donne. Si sono trasferiti al museo Kartini nel sito della sua ex casa: poiché la cerimonia ufficiale si stava svolgendo all’interno, hanno occupato il cortile per la loro protesta. Hanno anche chiesto lo scioglimento del ministero ufficiale delle donne per il fatto che non ha fatto nulla per promuovere gli interessi reali delle donne.

Related

ASEAN e donne: responsabilizzare i movimenti, non solo gli individui

I programmi per aumentare la competitività delle donne sul mercato non sostituiscono l’azione collettiva per l’uguaglianza di genere.

Kelly Gerard05 Ottobre, 2017

Questo evento prefigurava ciò che sarebbe accaduto nel periodo reformasi. Su Hari Kartini nel 1998, appena un mese prima delle dimissioni di Suharto, la celebrazione è diventata di nuovo una giornata per protestare contro le questioni contemporanee dello sfruttamento economico e della posizione sociale delle donne, e per chiedere il cambiamento. Hari Kartini continua ad essere una giornata che concentra l’attenzione nazionale sulla questione femminile, anche se non nello stile radicale che abbiamo visto nell’atmosfera euforica del periodo delle riforme.

Nell’Indonesia contemporanea, le scuole primarie rimangono un sito importante per la celebrazione di Hari Kartini, come aspetto dell’educazione civica. Mentre sotto il Nuovo Ordine, l’enfasi era sul vestirsi in kain kebaya, oggi l’abito prescritto è pakaian adat, o costume locale abituale, forse riflettendo lo spirito di decentramento e critica pubblica del dominio giavanese della nazione. Quindi le celebrazioni di oggi risalgono alle radici della sua nomina a pahlawan nasional, commemorando la nazione e concentrandosi sulla posizione sociale delle donne.

Che cosa significa Kartini per i giovani di oggi, la generazione millenaria di cui zaman ora?

Nel corso dei decenni, “Kartini” è diventato un significante fluttuante che viene utilizzato per scopi commerciali, politici e culturali. Quest’anno, ad esempio, un elegante hotel di Jakarta offre il 25% di sconto sui cocktail per le donne il 21 aprile e suggerisce di postare su #KartiniNowadays. Gli annunci di Garuda Indonesia hanno preso di mira i passeggeri di sesso femminile come “nuovi Kartinis”, rappresentati come giovani donne intelligenti in abito occidentale e con eleganti acconciature corte. Ci sono nuovi prodotti culturali relativi a Kartini, come un recente lungometraggio e i numerosi nuovi libri che hanno appena colpito gli scaffali in tempo per Hari Kartini.

GARUDA INDONESIA” VOLO DI KARTINI ” COLPO DI PUBBLICITÀ, 2017

Alla fine del 2017 ho intervistato giovani in tre città indonesiane (Kupang, Makassar e Surabaya) chiedendo del loro fidanzamento con Kartini. Nel complesso, i giovani non hanno letto il lavoro di Kartini, o uno qualsiasi dei tanti libri su di lei. Nessuno aveva visto il film del 2017. Hanno riferito che la loro conoscenza proveniva dalle cerimonie civiche e dai discorsi nella scuola primaria.

PROMOZIONE KARTINI DAY DA UNA CATENA DI RISTORANTI ITALIANI A JAKARTA

Tuttavia, Kartini rimane un’icona culturale per loro. I giovani uomini e donne (approvando) hanno espresso il suo significato storico come relativo a “emansipasi” delle donne e dell’educazione delle donne. Riprendendo il passaggio dal Kartini day celebrativo kain kebaya-indossare per l “accento sulla indossare abiti tradizionali localmente specifici, in alcune delle conversazioni i giovani in discussione perché non c” era anche la celebrazione di donne eroiche da fuori Java.

Nel periodo intorno al 21 aprile, quando Kartini è “in piena espansione”, la generazione zaman ora pubblica immagini commemorative di se stessi sui social media come Instagram, utilizzando tag come #Kartini o #HariKartini. La ” grammatica “di questi messaggi comporta indossare kain kebaya o altro” costume tradizionale”, e in posa con gli amici e, spesso, le loro madri. Mi è stato detto di una commemorazione più coinvolgente di “Kartini” come un tropo che significa emancipazione: un gruppo di giovani donne amanti della natura scalato una montagna su Hari Kartini e indossato kebaya in cima prima di scattare fotografie. L’invocazione di Kartini significava che erano le prime donne a raggiungere questo obiettivo, e anche che le donne possono fare qualsiasi cosa (o tutto!)

2016: LE GIOVANI DONNE CELEBRANO IL KARTINI DAY SUL MONTE MERBABU, CENTRAL JAVA

Le rappresentazioni mutevoli di Kartini come pietra di paragone per le questioni dei diritti delle donne non sono sfuggite all’attuale tendenza ad aumentare la pietà pubica e la preoccupazione di esprimere valori civici in termini islamici. Il 2017 Women Ulama Congress (KUPI) si è tenuto il 25 aprile—nella “stagione”di Kartini—invocando l’idea che la fine di aprile sia il periodo dell’anno per “fare il punto” sulle donne in Indonesia e affrontare le agende per il cambiamento. I materiali del congresso si riferivano a Kartini e alla sua educazione islamica e ai suoi valori nello sviluppare la loro storia recuperata dell’autorità religiosa femminile. Un “greening” più approfondito di Kartini è venuto da alcuni studiosi religiosi che hanno montato l’argomento revisionista che la sua critica della posizione delle donne e le sue richieste di cambiamento erano radicate nei testi islamici che studiava, non nella letteratura occidentale e nella teoria politica.

Ultimatley, Kartini era una giovane donna del suo tempo e luogo, in un luogo ambivalente tra gli ideali modernisti del 19 ° secolo e il suo profondo amore per le tradizioni culturali giavanesi. Kartini—o meglio il giorno che celebra la sua vita-occupa una posizione unica nella vita politica e culturale indonesiana in cui ogni anno la nazione celebra la femminilità, anche se in forme mutevoli, ma si ferma anche a riflettere su ciò che la nazione sta facendo, e dovrebbe fare, per le donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.