Amarengo

Articles and news

Il caso per la conferma ebraica

Quando io stesso ho avuto l’opportunità di essere confermato dalla mia sinagoga su Shavuot, certo, dopo la prima classe ho deciso di abbandonare. Come altri ragazzi, mi sono trovato di fronte a così tante scelte, non ultima delle quali era un turno di bagnino redditizio che si apriva allo stesso tempo (per un adolescente, 6 6,25 all’ora!). Ho fatto la scelta di prendere i soldi per studiare con il rabbino. Un po ‘irriverente, ho detto ai miei genitori che ho” confermato ” il mio giudaismo e stavo andando avanti.

Oggi non invidio gli adolescenti. Guardo costantemente quelli nella mia lotta comunità con il modo di fare buone scelte e l “equilibrio nella loro vita tra elevati standard educativi, attività extra-curriculari e l” ebraismo. Come un adolescente, non ho avuto le distrazioni di YouTube e social media, né ho avuto come molti meccanismi per fare scelte etiche poveri.

Questo è il motivo per cui, nel tempo, ho capito quanto sia importante per le sinagoghe tenere un rituale di conferma su Shavuot.

Il rituale della conferma ebbe origine in Germania tra gli ebrei riformati come cerimonia di laurea per sostituire il bar mitzvah. Tuttavia, da quel momento è diventato un luogo comune per gli studenti del 10 ° grado in America studiare insieme al loro rabbino e celebrare una cerimonia di conferma su Shavuot, oltre a bar o bat mitzvah.

La conferma può essere un rituale molto importante che parla alle lotte dell’adolescente ebreo americano contemporaneo che fa scelte ebraiche. Un po ” ironicamente, ho fatto la cattiva scelta come un adolescente di abbandonare solo la classe che era orientata verso aiutarmi a imparare a fare scelte migliori ebrei. In Pirkei Avot (5:21), apprendiamo che l’età in cui siamo responsabili di fare le scelte giuste e il seguente mitzvoth è 13.

Tuttavia, pochissimi b’nei mitzvah sono pronti per questo tipo di responsabilità. La mia lezione di conferma della sinagoga (come sospetto di più nel paese) includeva l’opportunità di chattare con il rabbino sugli atteggiamenti ebraici contemporanei verso “temi caldi” (sessualità, droghe, pace in Medio Oriente, ecc.). Avere il rituale di conferma a 15 o 16 aiuta a guidare i nostri studenti verso fare buone scelte ad un’età molto più appropriata per queste discussioni.

Shavuot è anche una vacanza ideale per incorniciare questo tipo di discussioni perché parla di questa idea di scelta. Gli Israeliti scelsero di ricevere la Torah ed entrare in un patto con Dio su Shavuot, e da allora siamo stati sostenuti dalla sua saggezza guida. La storia di Ruth, considerata l’ebreo ideale per scelta, è la Megillah che leggiamo su Shavuot. Ruth è un personaggio che, come molti dei nostri ragazzi, ha lottato con le scelte. Eppure Ruth, che probabilmente non era molto più vecchio di molti dei nostri cresimandi, sceglie nonostante le sue lotte per vivere una vita ebraica, proprio come speriamo che i nostri cresimandi faranno come risultato dei loro studi.

Anni fa, ricordo che un genitore metteva in discussione i miei motivi per insegnare su questioni di sessualità con gli adolescenti in una classe ebraica. Si sentiva a disagio che un rabbino avrebbe parlato di questo tipo di problemi in sinagoga con i bambini. Alla fine mi sono rivolto a lei e ho detto: “Preferiresti che imparino il modo migliore per fare queste scelte da me, o cosa possono trovare su YouTube?”

Ogni volta che siamo chiamati alla Torah, gli ebrei dicono una benedizione che riconosce che siamo il popolo eletto di Dio. Ma come faremo noi, per non parlare dei nostri ragazzi, a scegliere di ricevere la Torah in cambio di quell’onore se non li convinciamo che la Torah parla delle stesse scelte e dei seri problemi di vita con cui sono alle prese? Questo è il motivo per cui credo che mantenere la conferma su Shavuot debba continuare ad essere una parte così indispensabile dell’esperienza del ciclo di vita degli ebrei americani. Conferma su Shavuot ci ricorda che tenere sano, discussioni ebraiche su questioni “calde” in questa età critica può solo aiutare a guidare ulteriormente i nostri ragazzi verso fare sano, scelte ebraiche.

Rabbi Dan Dorsch è l’assistente rabbino al Tempio Beth Shalom a Livingston, New Jersey. Seguilo su twitter @ danieldorsch.

Tag:

  • Mondo ebraico
  • Ebrei in America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.