Amarengo

Articles and news

Gatsby Neuroscienze Computazionali Unità

  • Home
  • Staff & Studenti
  • posti Vacanti

Giovanni Assad

Giovanni Assad, Dipartimento di Neurobiologia della Scuola Medica di Harvard, e il Centro per le Neuroscienze e Sistemi Cognitivi, Istituto italiano di Tecnologia

mercoledì 3 luglio 2013

Ora: 4

Seminterrato Sala Seminari

Alexandra House, 17 Queen Square, London, WC1N 3AR

“le ASSOCIAZIONI E le DECISIONI NELLA CORTECCIA PARIETALE.”

Il lobo parietale inferiore è coinvolto nella percezione dello spazio visivo e nel controllo dei movimenti oculari. I neuroni nell’area intraparietale laterale del primate (LABBRO) egualmente sono stati implicati nel processo decisionale percettivo. In questi esperimenti, le scimmie in genere segnalano il loro percetto facendo movimenti oculari saccadici in direzioni specifiche. Abbiamo chiesto se i neuroni parietali sono coinvolti in decisioni che non hanno una lettura motoria spazialmente specifica. Nel nostro primo esperimento, abbiamo addestrato le scimmie a raggruppare le direzioni di movimento in due “categorie”di 180°. Dopo l’allenamento, abbiamo scoperto che i neuroni delle LABBRA riflettevano il limite della categoria appresa, in quanto i singoli neuroni tendevano a rispondere in modo simile all’interno delle categorie di direzione ma in modo diverso tra le categorie. Abbiamo esaminato la generalità di questi effetti addestrando gli animali in un compito associato in coppia in cui gli animali hanno imparato a raggruppare coppie di forme statiche scelte arbitrariamente. Abbiamo scoperto di nuovo che i neuroni delle LABBRA riflettevano le associazioni di coppie apprese, in quanto i singoli neuroni tendevano a rispondere in modo più simile per coppie di forme associate che per coppie di forme non associate. Sia nel compito di categorizzazione della direzione che nel compito associato alla forma abbiamo usato un paradigma di corrispondenza ritardata alla categoria (- pair) che dissociava l’identità della categoria (pair) dal movimento della mano che l’animale usava per segnalare il suo rapporto. Abbiamo anche controllato attentamente per artefatti comportamentali che potrebbero aver prodotto la selettività neuronale osservata. I nostri risultati suggeriscono che i neuroni parietali forniscono segnali decisionali che non si adattano a un quadro spaziale o motorio. Questi risultati sfidano la generalità dei modelli che postulano che le decisioni categoriali sono rappresentate in un quadro basato sull’azione o sull’intenzione. Quadri basati sull’azione sono stati proposti per altre rappresentazioni cerebrali, come per la rappresentazione del valore. Tuttavia, troviamo anche rappresentazioni neuronali indipendenti dall’azione del valore nella corteccia orbitofrontale. Ipotizziamo che le rappresentazioni non basate sull’azione siano prevalenti nel cervello e possano essere rivelate da un appropriato design sperimentale.

Biografia

John Assad ha conseguito il dottorato in Neurobiologia presso la Harvard Medical School, lavorando sulla biofisica cellulare, e ha fatto un postdoc in neuroscienze dei sistemi con John Maunsell al Baylor College of Medicine. Dal 1996 fa parte della facoltà di Medicina della Harvard Medical School, dove è attualmente Professore ordinario di Neurobiologia, e attualmente è anche direttore ad interim di neuroscienze presso l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova. Il suo recente lavoro si è concentrato sul controllo sensomotorio di ordine superiore e sul processo decisionale economico nel cervello dei primati non umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.