Amarengo

Articles and news

CHI rilascia elenco di antibiotici, in ultima istanza, superbatterio infezioni

  • il Dottor Ananya Mandal, MDDal Dottor Ananya Mandal, MDJun 6 2017

    Questo martedì (6 giugno 2017) l’Organizzazione Mondiale della Sanità è venuto fuori con una raccomandazione che alcuni antibiotici dovrebbero essere tenuti in riserva come ultima risorsa, in superbatterio infezioni a causa del rischio di antibiotico resistenza in tutto il mondo.

    Gli esperti suggeriscono che i batteri in questi giorni stanno sviluppando sempre più nuovi ceppi e stanno diventando resistenti agli antibiotici. Questi nuovi batteri mutanti diventano quindi difficili da uccidere e sopprimere. Nascono dall’uso indiscriminato di antibiotici sia negli esseri umani che negli animali domestici e nel bestiame. Questi batteri sono definiti come “batteri da incubo” dagli esperti e possono davvero portare a catastrofi da semplici infezioni. Le infezioni minori possono quindi anche diventare mortali molto presto e le malattie che prima erano curabili con antibiotici disponibili come la tubercolosi o la gonorrea, stanno diventando una sfida per i medici.

    L’OMS ha quindi escogitato un nuovo consiglio. Questo è il primo del suo genere in quasi quattro decenni di uso di antibiotici. Essi sono classificati in tre classi di antibiotici–

    • Orologio
    • Accesso
    • Prenotare

    Questa demarcazione di antibiotici potrebbe aiutare gli operatori sanitari a tenere sempre in riserva alcuni antibiotici come “ultima spiaggia” nel difficile curare le infezioni e i casi più gravi, ha detto Marie-Paule Kieny, assistente del direttore generale per i sistemi sanitari e l’innovazione CHE da Ginevra. Aggiunge che questa non è in alcun modo una soluzione “rapida” alla minaccia della resistenza agli antibiotici. Ma per ora questo è un passo significativo se potesse essere implementato per ridurre il numero di infezioni pericolose.

    Le raccomandazioni suggeriscono che le penicilline dovrebbero essere usate in più casi di infezioni. Questo sta andando indietro di diversi passaggi nella pratica attuale. Questo è un passo significativo nel ridurre l’uso di antibiotici più recenti e più costosi.

    Quindi farmaci come l’amoxicillina che possono funzionare contro una vasta gamma di organismi che causano infezioni all’orecchio, infezioni al torace e persino infezioni della pelle e dei tessuti molli, potrebbero far parte del gruppo “access” hanno detto gli esperti. Questi dovrebbero essere “disponibili in ogni momento” dice la raccomandazione.

    Il gruppo successivo è il gruppo “watch” che include farmaci come la ciprofloxacina. Questo farmaco e altri della sua classe sono utili in infezioni da streptococco, sinusite, infezioni dell’orecchio, infezioni gastrointestinali, tifo ecc. L’uso di questi farmaci dovrebbe essere “drasticamente ridotto”, secondo le nuove raccomandazioni.

    Il gruppo finale è il “gruppo di riserva”. Questi sono gli antibiotici di fascia alta che sono l ‘ “ultima risorsa” in diverse infezioni che potrebbero rapidamente diventare pericolose per la vita. I farmaci di questa classe includono colistina, cefalosporine di terza e quarta generazione ecc. Secondo l’OMS, questi dovrebbero essere usati ” nelle circostanze più gravi quando tutte le altre alternative hanno fallito.”Le gravi circostanze definite dall’OMS includono quelle infezioni letali causate da” batteri multiresistenti.”

    Le nuove raccomandazioni sono pubblicate negli elenchi dei modelli di medicinali essenziali dell’OMS per il 2017. Questo viene regolarmente aggiornato ogni due anni e fornisce uno schema ai paesi per quanto riguarda gli antibiotici che dovrebbero immagazzinare. La maggior parte dei paesi utilizza questo elenco come linea guida in base alla quale sviluppano le proprie raccomandazioni, elenco di farmaci essenziali, regole e regolamenti e anche regole assicurative.

    Secondo Suzanne Hill, direttore dei farmaci essenziali presso l’OMS, questo potrebbe avere un grande impatto sui produttori di farmaci che prosperano sulla realizzazione di antibiotici più costosi e più recenti. Tornare in pratica agli antibiotici standard potrebbe non essere una decisione gradita in quel caso e ha suggerito che le aziende potrebbero essere contattate per trovare un modo più razionale per farlo e che sarebbe una “sfida” a dir poco.

    Dott. ssa Ananya Mandal

    Scritto da

    Dr. Ananya Mandal

    Dr. Ananya Mandal è un medico di professione, docente per vocazione e uno scrittore medico per passione. Si è specializzata in Farmacologia Clinica dopo la laurea (MBBS). Per lei, la comunicazione sanitaria non è solo scrivere recensioni complicate per i professionisti, ma rendere le conoscenze mediche comprensibili e disponibili anche al grande pubblico.

    Citazioni

    Si prega di utilizzare uno dei seguenti formati per citare questo articolo nel tuo saggio, carta o rapporto:

    • APA

      Mandal, Ananya. (2018, 23 agosto). L’OMS rilascia l’elenco degli antibiotici come ultima risorsa nelle infezioni da superbatteri. Notizie-Medico. Estratto il 26 marzo 2021 da https://www.news-medical.net/news/20170606/WHO-releases-list-of-antibiotics-as-last-resort-in-superbug-infections.aspx.

    • LRD

      Mandal, Ananya. “L’OMS rilascia l’elenco degli antibiotici come ultima risorsa nelle infezioni da superbatteri”. Notizie-Medico. 26 Marzo 2021. <https://www.news-medical.net/news/20170606/WHO-releases-list-of-antibiotics-as-last-resort-in-superbug-infections.aspx>.

    • Chicago

      Mandal, Ananya. “L’OMS rilascia l’elenco degli antibiotici come ultima risorsa nelle infezioni da superbatteri”. Notizie-Medico. https://www.news-medical.net/news/20170606/WHO-releases-list-of-antibiotics-as-last-resort-in-superbug-infections.aspx. (accesso 26 marzo 2021).

    • Harvard

      Mandal, Ananya. 2018. L’OMS rilascia l’elenco degli antibiotici come ultima risorsa nelle infezioni da superbatteri. Notizie-Medico, visto 26 marzo 2021, https://www.news-medical.net/news/20170606/WHO-releases-list-of-antibiotics-as-last-resort-in-superbug-infections.aspx.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.