Amarengo

Articles and news

Brooklyn o New York? Knicks Ha reso facile la decisione di KD e Kyrie

In retrospettiva, il momento in cui avrebbe dovuto essere chiaro che i Knicks avrebbero annusato di nuovo in free agency è stato quando James Dolan ha espresso la massima fiducia. “Sentiamo sempre persone, giocatori, rappresentanti”, ha detto Dolan in un’intervista a ESPN Radio. “Si tratta di chi vuole venire. Non possiamo rispondere a causa delle regole NBA, ecc., ma questo non gli impedisce di dircelo. E lo fanno.”

” Posso dirti da quello che abbiamo sentito, penso che avremo una offseason di grande successo quando si tratta di agenti liberi. La cosa della squadra ora è che è molto giovane. È la squadra più giovane della NBA.”Più tardi in quella stessa intervista, Dolan avrebbe letto i nomi dei giovani giocatori della sua squadra su un foglio di carta come prova che i Knicks sarebbero stati un’attraente destinazione free–agent.

Alla fine, non erano—almeno non abbastanza attraenti da tenere Kevin Durant e Kyrie Irving lontani dalle reti di crosstown. Accoppiare Durant e Irving è stato riferito il grande sogno del front office dei Knicks. Quando New York ha ceduto Kristaps Porzingis (probabilmente la loro migliore prospettiva redatta da Patrick Ewing) a Dallas, è stato in parte per liberare spazio sufficiente per due max free agent. E ‘ stato un gesto drammatico in un campionato dove non ci sono garanzie. Anche se Durant o Irving avevano voluto firmare con i Knicks e segretamente fatto tali interessi noti, Porzingis è stato scambiato cinque mesi prima di free agency avrebbe aperto. Le cose nella NBA cambiano rapidamente e senza preavviso. Scambiando Porzingis nel modo in cui hanno fatto, i Knicks si sono lasciati vulnerabili possibilità che, quando tutto è stato detto e fatto, sarebbero rimasti in possesso di più di million 70 milioni nello spazio cap senza superstar disposti a prendere le loro offerte massime.

La free agency non è finita—infatti, al momento in cui sono stati segnalati gli accordi di Durant e Irving con i Nets, non era ufficialmente iniziata. C’è ancora tempo per i Knicks per fare passi avanti significativi, anche se non arrivano nella forma dei migliori giocatori del campionato. Un contratto triennale da 63 milioni di dollari per Julius Randle non è esattamente un inizio incoraggiante. Pivoting ha senso date le circostanze. Sta facendo perno su un overpay per Randle, che ha messo i numeri per i Pelicans la scorsa stagione a costo di giocare a basket vero e proprio, che sembra fastidioso.

Si spera che questa giustapposizione con le Reti sia in qualche modo istruttiva. Di fronte a potenziali offerte max da due franchise di New York, Durant e Irving hanno scelto Brooklyn. (Per ESPN, i Knicks potrebbero non essere stati disposti a offrire a Durant un contratto completo. Scopriremo il loro ragionamento in tempo, anche se potrebbe essere semplice come la differenza in ciò che le due squadre stavano vendendo. I Knicks hanno il luccichio della storia: un marchio iconico e un edificio leggendario. I Nets hanno un’organizzazione perfettamente funzionante: un front office che sa cosa sta facendo, uno staff tecnico che ha portato una squadra giovane a 42 vittorie e un posto ai playoff, e un roster di giocatori solidi pronti ad affiancare due stelle.

C’è un po ‘ di indignazione in più in queste due stelle particolari—le stesse che i Knicks speravano e sognavano—firmando, invece, con i Nets. Ma quando i Knicks hanno offerto una valida alternativa? Una volta che l’appello di vivere in città è stato mitigato, e una volta che Brooklyn ha eliminato la stanza del tappo necessaria per firmare due giocatori di livello massimo, la decisione tra le due franchigie sembra relativamente semplice. Nelle ultime estati, i Knicks hanno tentato di utilizzare lo spazio cap come un passo in sé. Questo può funzionare, anche se la maggior parte ogni mossa superstar nella recente storia NBA suggerisce che ci vorrà di più. Potrebbe essere una stella che ne recluta un’altra. Potrebbe essere la giusta collezione di giovani talenti, se valutati così com’è o per il loro potenziale commerciale. New York City è un inizio infernale. Dare buoni giocatori un motivo per venire, e lo faranno. Non dare loro nulla, e verranno a giocare per le reti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.